sabato 18 novembre 2017

"L'Europa ha rinunciato alle sue radici cristiane e ora si trova immersa in un'apostasia silenziosa"

Il prefetto del Culto divino in Polonia: "L'Europa ha rinunciato alle sue radici cristiane e ora si trova immersa in un'apostasia silenziosa"

Riprendo da un articolo de Il Foglio [qui] significative citazioni del cardinale Robert Sarah a Varsavia, integrate con quelle riportate dal Catholic Herald [qui], nel corso del suo intervento al Congresso Internazionale a cura del Movimento Europa Christi, alla presenza di esponenti della politica, della cultura e della Chiesa.
“Ogni nazione ha il diritto di distinguere tra i rifugiati e i migranti economici che non condividono la cultura di quella nazione”... “mentre ogni migrante è un essere umano che deve essere rispettato, la situazione diventa più complicata quando i migranti provengono da un'altra cultura o hanno una religione diversa”. 
I leader mondiali non possono mettere in discussione il "diritto di ogni nazione di distinguere tra un rifugiato politico o religioso" che è costretto a fuggire dalla propria terra e "l'emigrante economico che vuole cambiare la sua residenza" senza adattarsi alla nuova cultura in cui lui vive.

Un teologo anglicano: "Il Papa non è cattolico"

A questo punto della Débâcle Bergogliana, il fatto che Francesco rappresenti una minaccia per l'integrità della Fede è divenuto così evidente nel commento mainstream, che persino un teologo anglicano, scrivendo su First Things, ha lanciato l'allarme.
«Il papa è cattolico? Per almeno un secolo, questo è stato il modo in cui noi anglicani abbiamo scherzato su tutto ciò che sembrava fin troppo ovvio», scrive Gerald McDermott, titolare della cattedra di Teologia alla Beeson Divinity School. Ma continua: «Ora dobbiamo chiederci seriamente se il Papa non sia un protestante liberale».
McDermott cita numerosi esempi dello straripante torrente di eterodossia orale e scritta che Francesco ha generato negli ultimi quattro anni e mezzo. I lettori di Remnant hanno familiarità con ciascuno di essi, e non c'è bisogno di ricapitolarli qui. Come molti Cattolici preoccupati, McDermott si concentra sull'ultimo insulto che corona questo distruttivo pontificato: Amoris Laetitia e il suo incredibile tentativo di introdurre l'etica della situazione nella Teologia Morale cattolica.

venerdì 17 novembre 2017

I vescovi americani bocciano il “candidato” di papa Francesco. Indicativa la posizione 'pro life'

Indicativa la posizione della maggioranza dei vescovi USA: sulla difesa della vita umana bocciano il “candidato” di Bergoglio e una certa idea di Chiesa.
Con 96 voti contro 82 (e 34 astensioni) i vescovi statunitensi, riuniti in assemblea in questi giorni, hanno scelto come presidente dell’importante comitato pro life l’arcivescovo di Kansas City, Joseph Naumann, che è risultato vincitore sul cardinale di Chicago, Blase Cupich.

Secondo diversi commentatori il fatto costituisce una sorpresa. Da un lato appare come una bocciatura del cardinale Cupich che è considerato un pastore “bergogliano” doc: è stato Francesco a sceglierlo per governare la diocesi di Chicago, è stato da lui creato cardinale e recentemente lo ha nominato anche membro della Congregazione vaticana dei vescovi. Ma soprattutto Blase Cupich è ritenuto un alfiere di punta della linea morbida sui temi della battaglia pro life, inserendosi in quella schiera di pastori che intendono la difesa della vita come un orizzonte ampio, da non fissarsi troppo sulla questione aborto (molto aperto anche sulle questioni pro family).

La rana bollita di Bergoglio - Francesco Lamendola

Se Bergoglio è un innovatore, e lo è certamente, il suo metodo consiste nella strategia dei piccoli passi. Sandro Magister notava con acume che per lui è importante "gettare il seme perché la forza si scateni", "mescolare il lievito perché la forza faccia crescere" (ipse dixit alcuni giorni fa a Santa Marta). Metodo tanto subdolo e mefitico quanto ingannevole per chi sembra non aver occhi per vedere... L'articolo, che riporto di seguito, apparso due giorni fa su La nuova Italia, Accademia Adriatica di filosofia [qui] lo dimostra in termini di una chiarezza cristallina.

La rana comincia a fumare? La strategia dei piccoli passi è quella con cui la neochiesa si sta sostituendo un pezzo alla volta alla vera Chiesa cattolica da quell'11 febbraio del 2013 in cui Benedetto XVI annunciò le dimissioni.
Pascal, il filosofo e uomo di fede che Francesco dice di voler beatificare, scrisse parole di fuoco contro i gesuiti del suo tempo, che gettavano nella mischia le loro tesi più ardite per far sì che nel tempo pian piano maturassero e diventassero pensiero comune.

Potremmo chiamarla, e alcuni l'hanno chiamata, la strategia dei piccoli passi: è quella con cui la neochiesa si sta sostituendo, un poco alla volta, un pezzetto alla volta, una parola o un gesto alla volta, alla vera Chiesa cattolica, quella che va scritta con la maiuscola, perché è la Chiesa dei Santi, fondata da Gesù Cristo e poggiante con la base sulla terra, ma protesa nel mondo ultraterreno, assistita dagli Angeli e dagli Arcangeli e da Maria sempre Vergine, passando per le anime sante del Purgatorio e del Paradiso, fino al trono di Dio.

Venerdì 17 novembre. La Preghiera di Riparazione

Ricordiamo che oggi, venerdì, è il giorno dedicato alla nostra Preghiera di Riparazione secondo le modalità, complete delle Litanie del Sacro Cuore, che trovate qui

Rimaniamo fedeli al nostro impegno nella preghiera di riparazione e continuiamo a pregare anche perché sia sventata la tremenda introduzione della cosiddetta Messa ecumenica, che vanifica totalmente il Santo Sacrificio, con annesse catechesi dei protestanti nelle nostre Chiese(1). 
Preghiamo anche perché il Signore voglia presto darci Santi Pastori che possano guidare i fedeli in questa epoca di smarrimento, di confusione e di empietà e sostenga quelli che si espongono con parresìa. 
___________________
1. A partire dal 5 Novembre 2017, le Comunità Cattoliche partecipano alla santa cena protestante nella chiesa luterana di via Sicilia a Roma (qui). Ѐ solo l'inizio della rivoluzione che parte dalle periferie. Vedi la "carta ufficiale" che dichiara: “Cattolici e luterani ritengono che questi percorsi vanno sostenuti e incoraggiati nella prospettiva di favorire un ripensamento della catechesi in chiave ecumenica, soprattutto in relazione alla celebrazione del battesimo e del matrimonio e, più in generale, alle liturgie ecumeniche di riconciliazione, così da aiutare a vivere questi momenti della vita delle comunità locali come opportunità per riaffermare che per cattolici e luterani l’ecumenismo costituisce una scelta irreversibile”. Il dato più terrificante è che abbiamo lanciato l'allarme da tempo [qui e precedenti] ma non c'è stato nessun intervento autorevole che non vediamo neppure ora che i giochi nefandi sono venuti allo scoperto e hanno raggiunto obiettivi non più tollerabili.

Per la nostra formazione, leggiamo una Lettera di San Girolamo. Il testo potrà essere scaricato in formato pdf cliccando qui; in tal modo potrete costituire e conservare la vostra biblioteca di letture di formazione.

giovedì 16 novembre 2017

Il Card. Sarah rifiuta di stare al gioco di Francesco

Nella nostra traduzione da gloria.tv. In effetti il cardinale non ha ancora ritrattato la sua nota. Si  registra un dato di fatto. Tuttavia da questo non emergono le intenzioni del cardinale.

Il cardinale Robert Sarah non ha ritirato la sua dichiarazione [qui] che è del Vaticano la responsabilità finale delle traduzioni liturgiche, anche se papa Francesco glielo ha chiesto umiliandolo pubblicamente [qui]. 
Tutto è iniziato con il Motu Proprio Magnum Principium (3 settembre) in cui Francesco applica la sua strategia di confusione al fine di trasferire la responsabilità delle traduzioni liturgiche ai vescovi locali senza dirlo. Sarah ha rettificato questa confusione con la dichiarazione pubblicata da L'Homme Nouveau (1 ottobre). 
Francesco voleva che Sarah inviasse una sconfessione a L'Homme Nouveau, a tutte le Conferenze episcopali e ai membri e ai membri e consultori della sua congregazione. Sembra che Sarah abbia deciso di non stare al gioco di Francesco. Finora L'Homme Nouveau non ha ricevuto alcun documento dal cardinale.

Ripetitività è fedeltà e 'santa routine', non linguaggio da pappagalli.

Udienza generale del 15 novembre [qui]:
"Nella nostra relazione con il Signore, nella preghiera – domando – ci lasciamo meravigliare o pensiamo che la preghiera è parlare a Dio come fanno i pappagalli? No, è fidarsi e aprire il cuore per lasciarsi meravigliare. Ci lasciamo sorprendere da Dio che è sempre il Dio delle sorprese?"
Riprendo come nostro contributo di riflessione, lo splendido commento di Irina e, a seguire, la illuminante relazione di Martin Mosebach, che mettono l'accento sulla ripetitività. 
Inoltre sottolineo che l'uso delle preghiere codificate (basti pensare solo al Pater, Ave e Gloria, che sono perle della Rivelazione condensate come meglio non si potrebbe da una esperienza viva di fede millenaria. Il Pater addirittura ci è consegnato direttamente dal Signore) ha uno spessore maieutico e anche pedagogico; inoltre nutre la fedeltà e consente alle splendide verità che contengono di inverarsi nella nostra vita andando sempre più in profondità proprio grazie alla ripetizione. Chi non lo vede e non lo percepisce è certamente colto da una qualche forma di cecità.

mercoledì 15 novembre 2017

Rémi Brague, un pensatore da conoscere e apprezzare

Venerdì prossimo 17 novembre, alle ore 20,30, nel teatro Remondini di Bassano del Grappa (Vicenza), verrà consegnato il Premio Internazionale alla Cultura Cattolica al filosofo francese Rémi Brague. Il riconoscimento, giunto alla 35ma edizione dopo aver premiato il fior fiore della cultura cattolica italiana e internazionale, è istituito dalla Scuola di Cultura Cattolica di Bassano del Grappa, a continuazione dell’opera del santo parroco don Didimo Mantiero. La Scuola, insieme alla società di preghiera “La Dieci”, al “Comune dei Giovani” e ad altre attività, tiene fede a quella ispirazione originaria.

martedì 14 novembre 2017

Raymond Leo card. Burke: Amoris Laetitia, fare chiarezza per salvare la fede

A un anno dalla pubblicazione dei Dubia sull'esortazione apostolica "Amoris Laetitia", viene diffusa la seguente intervista al cardinale Raymond Leo Burke, che fa il punto su quanto accaduto da allora. Così come i "Dubia" questa intervista esce contemporaneamente su La Nuova Bussola Quotidiana, Settimo Cielo e il National Catholic Register. E noi contestualmente la riprendiamo. 
La ritengo importante sia perché avalla pubblicamente la Correctio filialis che perché attendibilmente prelude, nel caso di mancata risposta a questo che viene chiamato 'ultimo appello', alla correctio canonica.

Eminenza, è passato un anno da quando lei, il cardinale Walter Brandmüller e i due cardinali recentemente scomparsi, Carlo Caffarra e Joachim Meisner, avete pubblicato i "dubia". A che punto siamo?

A un anno dalla pubblicazione dei "dubia" su "Amoris laetitia", che non hanno ottenuto alcuna risposta dal Santo Padre, constatiamo che la confusione sull’interpretazione dell’esortazione apostolica è sempre maggiore. Per questo motivo si fa ancora più urgente la nostra preoccupazione per la situazione della Chiesa e per la sua missione nel mondo. Io, naturalmente, continuo ad essere in regolare contatto con il cardinale Walter Brandmüller per quanto riguarda questi gravissimi problemi. E tutti e due rimaniamo in profonda unione con i due cardinali defunti Joachim Meisner e Carlo Caffarra, che ci hanno lasciati nel corso degli ultimi mesi. Così, ancora una volta faccio presente la gravità della situazione, che continua a peggiorare.

Anche a Parigi giovani cattolici riparano la commemorazione della riforma protestante

Leggo su Stilum Curiae che a Parigi - come a Bruxelles [qui - qui] - alcuni giovani cattolici, nella chiesa di Notre-Dame des Blancs Manteux hanno inteso riparare quello che evidentemente considerano un sacrilegio cantando Christus vincit Christus regnat, come si distingue dal video sotto riportato.  Ѐ accaduto lo scorso 31 ottobre mentre si stava svolgendo la commemorazione dei 500 anni della riforma protestante alla presenza di una donna pastore della Chiesa protestante unita che ha danzato davanti all’altare (vedi immagine a lato).
Anche a Parigi non sono mancate le proteste dei presenti ed è stata chiamata la polizia, che ha fatto uscire e ha fermato i ragazzi.